Pagina

Visite: 33620

Valutazione attuale: 0 / 5

Dal 1° gennaio 2020 tutte le competenze del Servizio Sociale dei Comuni (SSC) dell'Ambito Territoriale "Friuli Centrale" sono attribuite al Comune di Udine in qualità di Ente Gestore del SSC di Campoformido, Martignacco, Pagnacco, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Tavagnacco e Udine, secondo la convenzione approvata il 26 novembre 2019.

Tramite la professionalità degli assistenti sociali, realizza una funzione di ascolto, aiuto e sostegno all’individuo e alla comunità attraverso lo sviluppo delle capacità di ciascuno nell’individuazione delle risposte atte a prevenire e ridurre le situazioni di bisogno e di disagio sociale e/o nel fronteggiamento delle stesse.

L’intervento del Servizio Sociale prevede la presa in carico del problema presentato dal singolo individuo, dalle famiglie, dai gruppi, dalla comunità al fine di individuare, insieme a chi lo presenta, come affrontarlo e, se possibile, risolverlo.

 

Le finalità del Servizio Sociale sono:

  • favorire l'autonomia e l'inclusione sociale delle persone,
  • sostenere la domiciliarità e la genitorialità tutelando nel contempo i soggetti che vivono situazioni di fragilità.

Opera in modo integrato con gli altri soggetti pubblici e del privato sociale (quali associazioni di volontariato, cooperative ecc.) utilizzando le risorse disponibili.

 

Le competenze del SSC 

I Comuni esercitano in forma associata il sistema di servizi e interventi nel campo sociale e assistenziale, come anche la funzione di programmazione locale del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Il SSC, attivato ai sensi della L.R. 6/2006, rappresenta il punto d’accesso dei cittadini per qualsiasi problematica sociale.

Il territorio del SSC dell'Ambito Territoriale "Friuli Centrale" coincide con quello di pertinenza del Distretto Socio-Sanitario dell’A.S.U. Friuli Centrale di Udine e ha la sua popolazione al 1° gennaio 2019 risultava di 159.542 abitanti.

L’organo di governo del SSC è l’Assemblea dei Sindaci, formata da tutti i Sindaci dei Comuni dell'Ambito Territoriale.

 

Cosa fa il SSC

Il SSC assume progressivamente le funzioni esercitate dai singoli Comuni in materia di servizi e interventi sociali.

Le principali funzioni comunali esercitate sono:

  • la funzione di programmazione locale del sistema integrato di interventi e servizi sociali;
  • l'esercizio coordinato delle attività tecnico-professionali e amministrative-finanziaria dei servizi sociali;
  • le attività relative alla realizzazione dei progetti del Piano di zona;
  • la gestione dei servizi, interventi e prestazioni del sistema integrato compresi quelli per i quali la gestione associata è prevista da singole normative di settore (in materia di servizi educativi ed assistenziali per minori, anziani, disabilità, non autosufficienti, tutela dei minori, famiglia, povertà e politiche per l'inclusione sociale).

Il SSC gestisce inoltre attività, interventi e servizi parzialmente o totalmente finanziati da fondi UE, quali il PON Inclusione e il PON /FEAD. Le azioni finanziate sono: 

  • il potenziamento del servizio sociale professionale, del segretariato sociale e l’informatizzazione dei procedimenti (fondi PON Inclusione) a beneficio delle persone destinatarie dei servizi del SSC;

  • i progetti innovativi di accoglienza nella modalità sperimentale internazionale “Housing first” a beneficio di persone in condizioni di grave marginalità.

 

I principi ispiratori

L’esercizio in forma associata di funzioni e servizi deve fare riferimento ai seguenti principi:

  • solidarietà ed equità tra i Comuni;
  • massima efficienza ed efficacia della gestione dei servizi da parte dell'Ente Gestore;
  • garanzia di standard e prestazioni omogenee sul territorio e conformi a leggi e indicazioni programmatiche regionali;
  • omogeneizzazione dei criteri di compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e delle prestazioni;
  • adeguatezza delle risposte ai bisogni espressi dalla comunità locale ed attenzione alle esigenze dell'utenza perseguendo il criterio della prossimità;
  • fruibilità dei servizi e delle prestazioni sociali al fine di realizzare l'eguaglianza di trattamento a fronte di parità di bisogni;
  • partecipazione e responsabilizzazione dei cittadini e delle forme associative che li rappresentano (principio della sussidiarietà);
  • informazione e orientamento rispetto all’offerta di interventi e servizi;
  • chiara definizione dei criteri d’accesso alle prestazioni erogate dal sistema integrato;
  • standardizzazione della modulistica e delle procedure, perseguimento della loro semplificazione, eliminazione di adempimenti non necessari;
  • promozione e valorizzazione del ruolo dei soggetti del terzo settore;
  • costante innovazione tecnologica.

Per accedere al Servizio Sociale ci si deve rivolgere (anche tramite un familiare o un conoscente) agli assistenti sociali dislocati in ogni comune dell'Ambito Territoriale "Friuli Centrale" e, per il comune di Udine, in ogni circoscrizione.

Ciascun cittadino può rivolgersi all'assistente sociale di riferimento secondo la residenza anagrafica.

La presa in carico da parte del servizio sociale avviene per target di popolazione specifici: minori, adulti, anziani e disabili.

Gli assistenti sociali sono quindi suddivisi per area tematica e per territorio. Vai alla pagina dedicata

Per informazioni, orari e contatti
via Gorghi 16 (1° piano)
tel. 0432 127 3511 - 3522
fax 0432 127 0355

Orari di apertura al pubblico:

  • lunedì dalle 14.30 alle 17.00;
  • martedì dalle 8.45 alle 10.45;
  • venerdì dalle 10.00 alle 12.00.

Documentazione inerente l'attività svolta dal Servizio Sociale dei Comuni

Ogni anno viene redatta una relazione per illustrare l'assetto organizzativo del Servizio Sociale dei Comuni il contesto demografico, le tipologie di utenza, i servizi offerti, la situazione contabile-finanziaria, la valutazione e la dotazione organica e l'attività svolta degli uffici dell'area amministrativa.

Consulta la RELAZIONE SOCIALE riferita all'anno 2017

Consulta la RELAZIONE SOCIALE riferita all'anno 2018

Torna all'inizio del contenuto