testo normaletesto grandetesto molto grande

 

Modelli

Domanda Unica e Schede allegate

Sono presenti tutti i file in formato aperto openoffice (estensione .odt, per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale www.openoffice.org) che compongono l’istanza di procedimento unico: infatti il file “Domanda unica.odt” contiene solo i dati generali riguardo la ditta richiedente e l’intervento, mentre le schede numerate contengono i dati utili per ottenere tutti i pareri e le autorizzazioni da parte di altri Enti.
Ne consegue che l’istanza di procedimento unico è formata dalla domanda unica più tante schede quanti sono i procedimenti da attivare.

(Ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. 445 del 28.12.2000 e dell'art.65 del Dlgs n. 82/2005, le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica, sono valide in alternativa:

 

  1. se sottoscritte mediante la firma digitale o la firma elettronica qualificata, il cui certificato è rilasciato da un certificatore accreditato;

  2. quando le istanze e le dichiarazioni sono sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore;

  3. se trasmesse dall'autore mediante la propria casella di posta elettronica certificata purché le relative credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare, anche per via telematica secondo modalità definite con regole tecniche adottate ai sensi dell'articolo 71, e ciò sia attestato dal gestore del sistema nel messaggio o in un suo allegato. In tal caso, la trasmissione rappresenta espressa accettazione dell'invio, tramite posta elettronica certificata, da parte delle pubbliche amministrazioni, degli atti e dei provvedimenti che lo riguardano .

Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della amministrazione pubblica (non in via telematica) sono sottoscritte dall'interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.

PEC: protocollo@pec.comune.udine.it

Indirizzo:anche tramite un incaricato, oppure a mezzo posta:

Servizio Sportello Unico per le Attività Economiche– U.O. Sportello Unico – Via Girardini n. 22 - FAX: 0432-271596 dell’U.O. Sportello Unico.)

Nel caso in cui sia necessario richiedere autorizzazioni/comunicazioni comprese nell'AUA compilare ed allegare anche il modello AUA-domanda unica e le relative schede. In questo caso non è necessario apporre la marca da bollo sulla domanda AUA.
Si ricorda che la documentazione AUA va inoltrata esclusivamente a mezzo PEC.

Autorizzazione Unica Ambientale e Schede allegate

Sono presenti tutti i file in formato aperto openoffice (estensione .odt, per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale www.openoffice.org) che compongono l’istanza di Autorizzazione Unica Ambientale: infatti il file “AUA-Domanda unica.odt” contiene solo i dati generali riguardo la ditta richiedente e il tipo di attività che svolge, mentre le schede numerate contengono i dati utili per ottenere tutti i pareri e le autorizzazioni da parte di altri Enti.
Ne consegue che l’istanza di Autorizzazione Unica Ambientale è formata dalla domanda unica più tante schede quanti sono i procedimenti da attivare.

 (Ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. 445 del 28.12.2000 e dell'art.65 del Dlgs n. 82/2005, le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica, sono valide in alternativa:)

  1. se sottoscritte mediante la firma digitale o la firma elettronica qualificata, il cui certificato è rilasciato da un certificatore accreditato;

PEC protocollo@pec.comune.udine.it

LA DIMENSIONE DELL'INTERA DOCUMENTAZIONE (DOMANDA+SCHEDE) NON PUO' MAI SUPERARE 5MB A PENA DI IRRICEVIBILITA''

Distributori carburanti 

 La Legge regionale 11 ottobre 2012, n. 19 recante norme in materia di energia e distribuzione dei carburanti, all’art. 45 disciplina la procedura del collaudo degli impianti di distribuzione carburanti ad uso pubblico e ad uso privato sia i per nuovi impianti che per la verifica 15.le.

L’art. 21 della medesima legge disciplina il collaudo per gli impianti e i depositi di stoccaggio di oli minerali.

La ditta, per ottenere il provvedimento accertativo finale di collaudo per impianti di carburanti o oli minerali siti in Comune di Udine e nei Comuni associati, deve presentare, allo Sportello unico intercomunale dell’area udinese, la domanda redatta sui seguenti modelli e completa di tutti gli allegati. 

Pagina aggiornata il: 31/12/13


Link veloci: URP informa | calendario eventi | ricerca | mappa del sito | icona pdf versione pdf